Orari:

Mercoledi

Apertura 18/23

Giovedi

Sportello casa 16/18

Apertura 18/23

Aperitivo + djset

Venerdi

Apertura 18/23

Sabato

Apertura 18/23

Domenica

Apertura 18/23

Nella settimana di apertura di Expo2015, Orti Storti e il circolo Barrio presentano “Genuino Clandestino, viaggio tra le agri-culture resistenti ai tempi delle grandi opere” (testi di Michela Potito e Roberta Borghesi, fotografie di Sara Casna e Michele Lapini, postfazione di Wu Ming2, ed. Terra Nuova Edizioni), un libro che racconta le agricolture resistenti
in giro per l’Italia.
Tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera 2014, due fotografi (Sara Casna e Michele Lapini) e due attiviste di Campiaperti (Roberta Borghesi e Michela Potito) partono con un furgoncino Volkswagen alla volta di alcuni contadini che in tutta Italia fanno parte di Genuino
Clandestino.
Genuino Clandestino è un movimento di comunità in lotta per l’autodeterminazione alimentare, che nasce nel 2010 come una campagna di comunicazione per denunciare un insieme di norme ingiuste che, equiparando i cibi contadini trasformati a quelli delle grandi industrie
alimentari, li ha resi fuorilegge. Per questo rivendica fin dalle sue origini la libera trasformazione dei cibi contadini, restituendo un diritto espropriato dal sistema neoliberista.
Oggi questa campagna si è trasformata in una rete dalle maglie mobili di singoli e di comunità in divenire che, oltre alle sue iniziali rivendicazioni, propone alternative concrete al sistema capitalista vigente attraverso diverse azioni, come la costruzione di attività territoriali che praticano una democrazia assembleare, la difesa di
agricolture contadine e la pratica della trasparenza nella produzione e diffusione del cibo,mediante l’autocontrollo partecipato.

Continua a leggere »»

Questo giovedì come ogni settimana ricco aperitivo a Barrio.

A deliziarvi il palato una cucina casalinga e tradizionalmente mediterranea per un gustosissimo PIZZA PARTY! Pizze di tutti i tipi (anche vegetariane!) e in sottofondo il rock prepotente del nostro dj Acid!

Non mancate!

Barrio parteciperà alla festa dei quartieri Malpensata e Campagnola, momento di incontro e di scambio con altre realtà del territorio (come i Gruppi di Acquisto Solidale, gli Orti Storti, la Cooperativa Dante Paci e Ferruccio Dell’Orto ecc), tramite un banchetto di Scambio Libri, con volumi adatti a tutte le età e dei più svariati generi.

MUNITEVI DI LIBRI GIA’ LETTI E VENITE AL NOSTRO BANCHETTO E A BARRIO A SCAMBIARLI PER RIMETTERE IN CIRCOLO LE PAROLE, LA CULTURA E LE IDEE.

DON’T STOP BOOKCROSSING!

 

All’interno della grande abbuffata di Expo, vengono chiamate a svolgere il loro ruolo di rappresentanza della ‘società civile’ diverse organizzazioni e associazioni del terzo settore, riunite sotto la Fondazione Triulza, a cui è stata affidata la gestione di un padiglione.

Relegati ai margini del grande macchinario Expo, che si è palesato in questi anni unicamente come strumento di predazione di beni comuni e occasione di speculazione per pochi, ecco comparire anche i ‘non ascoltati’, gli ‘invisibili’, una società civile a cui nessuno, però, ha chiesto alcun parere nel momento in cui il dispositivo Expo iniziava a fagocitare risorse collettive, ambientali e umane.

Anche Arci parteciperà, all’interno della Fondazione Triulza, alla costruzione di questa facciata sociale di Expo, in un palese e maldestro tentativo di “socialwashing” che miri a far dimenticare gli scandali e la corruzione su cui questo grande evento si basa. La partecipazione diretta di una ‘società civile’ è infatti utile per intercettare una determinata fascia della popolazione, su cui difficilmente un tale evento potrebbe esercitare qualche fascino: a dimostrazione di ciò, Arci e le altre sigle della Fondazione potranno vendere biglietti per Expo a prezzo ridotto.

C’è chi potrebbe dire che la mossa di Arci sia coraggiosa, in quanto tentativo di portare con sè all’interno di Expo una serie di istanze e sensibilità differenti rispetto al mainstream globale dell’evento. La verità è che in questo momento i ‘coraggiosi’ non servono e la partita è ormai fallita, perché costruita su fondamenta marce.

C’è piuttosto bisogno, ora più che mai, di coerenza e prese di posizioni forti e chiare. Stare dentro Expo significa inequivocabilmente giustificarlo, legittimando così un apparato che palesemente va contro le istanze proprie di Arci; tutto ciò rappresenta una contraddizione insuperabile.

Come si fa a parlare di consumo consapevole all’interno di una kermesse che vede tra i principali sponsor ufficiali Coca Cola e McDonalds? Come si fa a parlare di protagonismo giovanile, quando i/le giovani in Expo rappresentano unicamente soggetti da sfruttare? Come si fa a ‘dar voce a chi non ha voce’, come si legge nel comunicato di Arci, se ad ogni manifestazione di dissenso l’unica risposta che viene data sono i manganelli e la censura?

Come circoli Arci, ci dissociamo dalla decisione di aderire ad Expo e invitiamo anche gli altri circoli a firmare questo appello.

 

Circolo Arci Barrio Campagnola (Bergamo)

Circolo Arci Metavisioni

Sabato in acustico Dylan Imberti, Luca Laboccetta, Riccardo Cisana, Manuel Bertocchi e Gianluca Alfonsetti sono i Violaspinto, la prolifica band bergamasca, attiva da diversi anni, con diverse pubblicazioni e concerti dal vivo, tra i quali Heineken Jammin festival (Imola) e Musica W Festival (Castellina Marittima); hanno condiviso il palco con i Diaframma, Plan de Fuga e, nel 2014, con gli ex-CSI (Ciò che non deve accadere accade).
Quest’anno propongono uno show “unplugged”, in cui presentano il loro repertorio in maniera più intimista, con arrangiamenti adatti ai piccoli club che mettono in risalto i testi sognanti e a volte “astrali” delle loro canzoni.

https://www.youtube.com/watch?v=o0m9av_OJvY

Dall’ascolto delle grandi della musica black alla presa di coscienza della propria voce. Dai live con cover band funk e reggae alla scrittura di emozioni e melodie inedite. E’ così che, assieme a Fabio Dalè e Carlo Frigerio (Yellow Ears Prod.), Giulia ha cominciato a lavorare con umiltà e pazienza ad un progetto solista, un lavoro che rispecchi nel profondo ciò che ha dentro.

Per questa occasione, la voce di Giulia sarà accompagnata dal piano di Danilo Mazzone.

Il repertorio spazia dai brani inediti, come il singolo “Insomnia” contenuto nell’ep omonimo di 6 brani, a cover completamente riarrangiate di Little Dragon, Nneka, Meg, Bob Marley ed altri, a testimonianza della storia edelle radici musicali che l’hanno fatta diventare ciò che è ora: un’appassionata di musica con un dono vocale unico ormai pronta a rivelarsi come l’artista completa che è.

APERITIVO PUGLIESE:
- orecchiette alle cime di rapa e al pomodoro
- polpette di carne e di uova
- focacce
-sott’olii tipici

…tutto rigorosamente in Puglia’s style!
Durante la serata a farvi ballare ci penserà dj Pené, cimentandosi nell’occasione in una selekta ska, rock’n'roll, rockabilly e musica popolare!

Portate i vostri giochi preferiti: Monopoli, Risiko, scacchi, dama, Scarabeo, Forza4, mazzi di carte di tutti i tipi, e anche i giochi in scatola meno conosciuti e più divertenti!

Verranno create squadre e organizzati tornei a vostro piacimento, e sia vincitori che vinti avranno a disposizione un grezzo (ma ricco) aperitivo al bancone!

MUSICANTI AMANOVELLA TRIO :

Il gruppo che nella formazione standard prevede 5 elementi è attivo sul territorio da 2 anni e ripropone le canzoni di VINICIO CAPOSSELA . Non ci troveremo davanti alla solita tribute band fedele il più possibile all’originale ma ad un gruppo che lascia spazio alla propria interpretazione dei brani !